Lorenzo Lotto

Veneziano di nascita e di formazione, il Lotto è una figura tra le più singolari della pittura veneta rinascimentale tra Quattro e Cinquecento. Egli intraprese un proprio percorso artistico, muovendo dalle suggestioni dell'opera di Giovanni Bellini, traendo spunti fecondissimi dalla produzione di Cima da Conegliano, di Antonello da Messina e di Albrecht Dürer, per trovare una sua cifra espressiva, fortemente caratterizzata in senso individuale. Furono appunto l'originalità e l'anticonformismo del personaggio a segnarne nel tempo una presa di distanza sempre più sensibile dalla scena artistica locale, dominata dalla personalità e dall'ambiente di Tiziano.

Lorenzo Lotto, Autoritratto, Madrid, Museo Thyssen-Bornemisza

Lorenzo Lotto, Autoritratto, Madrid, Museo Thyssen-Bornemisza

Di temperamento introverso, inquieto, solitario e schivo, nella vita come nell'arte, il Lotto fu spesso attivo fuori Venezia, nell'entroterra veneto, a Treviso e a Bergamo, come pure oltre i confini della Serenissima Repubblica, nelle Marche e a Roma, dove conobbe presso la corte pontificia alcuni tra i maggiori maestri della Rinascenza italiana, da Raffaello a Michelangelo. Proprio a Roma, le Scuderie del Quirinale hanno ospitato, da marzo a giugno 2011, una splendida mostra monografica a lui dedicata.
Rientrato a Venezia, dopo qualche anno definitivamente, si trasferì prima ad Ancona e poi a Loreto: la sua impronta stilistica rimase molto più forte nei centri artistici minori, a testimonianza della sua capacità di fare scuola e influenzare le successive tendenze di sviluppo, soprattutto nella ritrattistica e nella pittura di soggetto sacro.
Le opere che è possibile ammirare nel Veneto non sono numerosissime, ma permettono senza dubbio di apprezzare diversi aspetti del genio creativo dell'artista. Esse si concentrano in sostanza intorno a due poli.
Il primo è Venezia, dove non solo prestigiose sedi museali, come le Gallerie dell'Accademia (che tra novembre 2011 e febbraio 2012 hanno allestito un'esposizione in omaggio alla figura del Lotto, con dipinti provenienti dall'Ermitage) e la Fondazione Cini, ma anche alcune chiese, per esempio i Santi Giovanni e Paolo, San Giacomo dell'Orio e i Carmini, conservano tele di eccezionale importanza di mano del Maestro.
Il secondo fulcro è in terraferma, nella Marca trevigiana: basti ricordare la pala della chiesa di Santa Cristina al Tiverone, o il ritratto al Museo Civico di Treviso; significativa anche la pala del duomo di Asolo, nella quale vi è chi vede, sotto le sembianze piuttosto ‘individualizzate' della Vergine Assunta, un ritratto della regina di Cipro Caterina Corner, la cui corte asolana era animata da vari intellettuali e artisti, proprio negli anni del soggiorno trevigiano del Lotto.

 

Per maggiori informazioni:

 

Condividi: Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Google Plus
Feedback su questo contenuto
vota
3.0 media
(1 voti)
English (United States) français (France) Deutsch (Deutschland) italiano (Italia) español (España) português (Portugal) русский (Россия) 中文 (中国)
Itinerari consigliati
In bicicletta tra le vigne del Prosecco DOCG ...
my veneto logo
Il Tuo Viaggio
crea Itinerari personalizzati salva i Preferiti condividi Diari di viaggio

Media Center

Media Center
Il Veneto in foto, video, audioguide, webcam, brochures...