Fortezze alpine

Un tempo fungevano da avamposti militari della Grande Guerra, ma oggi edifici militari, trincee e fortificazioni costituiscono indelebili testimonianze storiche e affascinanti mete per escursionisti.
Forte di Col Vidal, Forte del Monte Ricco e Batteria Castello, Forte del Monte Rite e il Becco di Cuzze sono quattro percorsi che conducono alla scoperta delle costruzioni militari lungo il tracciato della Via Alpina, il cosidetto "Fronte Dolomitico" nella parte più a nord del territorio bellunese.

A quota 1880 metri, sul Pian dei Buoi sopra Lozzo di Cadore, sorge il vecchio Forte di Col Vidal, edificato tra il 1911 e il 1914 con funzione di punto logistico e magazzino per il rifornimento degli avamposti della linea "Cadore Maè". Il forte è raggiungibile in macchina seguendo una vecchia mulattiera militare che partendo da Lozzo di Cadore conduce alla località di Pian dei Buoi; abbandonato il mezzo motorizzato, in circa un'ora e mezza si raggiungerà la vetta.


Forte del Monte Rite

Sempre in Cadore altro suggestivo punto panoramico è costituito dalle fortificazioni del Monte Ricco e dalla Batteria Castello. Si parte dal centro di Pieve di Cadore e sempre con una breve passeggiata di circa un'ora e mezza si raggiunge l'antico forte militare a quota 953 metri. Sulla sinistra dell'edificio si imbocca un sentiero che conduce alla Batteria Castello, edificata sulle rovine del Castello di Piave per sbarrare a Nord la valle.

Anche il Monte Rite offre una straordinaria veduta; da qui lo sguardo può vagare a 360 gradi tra i più belli gruppi dolomitici. Ed è proprio in vetta, a oltre duemila metri di altezza, che sorge il Forte del Monte Rite, ex caposaldo difensivo della "linea gialla" riadattato a Museo su iniziativa di Reinhold Messner. Seguendo la vecchia strada militare che parte da Forcella Cibiana, si raggiunge il Museo Dolomites o Museo delle Nuvole che prende vita dai resti del vecchio forte utilizzato durante la prima guerra mondiale. (tempo di percorrenza h 3.30, oppure servizio di navetta a pagamento).

Il Becco di Cuzze è un promontorio situato tra i paesi di Vodo di Cadore e Zoppè di Cadore. Durante la Grande Guerra faceva parte del sistema di "massima resistenza" delle linee italiane articolando postazioni di tiro, casermette di deposito e camminamenti in trincea.
Per raggiungerlo ci si impiega circa due ore percorrendo la stradina che sale dal Lago di Vodo, poi si passa forcella Ciandolada, la magnifica piana di Cercenà e si arriva in località Cianiè. Da qui si sale sino a forcella Cucei dove si trovano le postazioni delle batterie d'artiglieria. Ancora 15 minuti di sentiero per giungere sulla cresta sommitale dove'è possibile percorrere il sistema di trincee.

Modo di percorrenza: In auto e a piedi

Da non perdere: Una visita al curioso museo del Monte Rite e al ricco patrimonio di reperti, foto e opere d'arte che racconta la storia e coglie l'essenza delle Dolomiti.

Informazioni e consigli utili: le descrizioni e i tempi di percorrenza sono indicativi. Prima di partire informarsi negli Uffici di informazione turistica locali. Si consiglia di utilizzare abbigliamento e calzature da montagna.

Link: www.infodolomiti.it

 

Condividi: Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Google Plus
English (United States) français (France) Deutsch (Deutschland) italiano (Italia) español (España) português (Portugal) русский (Россия) 中文 (中国)
Feedback su questo contenuto
vota
0.0 media
(0 voti)
Eventi
Cibiana - murales
Il magico percorso dei murales: la storia del paese dipinta sulle antiche pareti delle case ...
Itinerari consigliati
Parchi avventura, parchi divertimento, parchi faunistico-didattici e parchi acquatici. Sono i regni del divertimento e della scoperta! ...
my veneto logo
Il Tuo Viaggio
crea Itinerari personalizzati salva i Preferiti condividi Diari di viaggio

Media Center

Media Center
Il Veneto in foto, video, audioguide, webcam, brochures...